Giugno 2018
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

Calendario Calendario

Ultimi argomenti
» Un saluto a tutti
Lun Lug 30, 2012 3:40 pm Da SignoreDellaGuerra

» Presentazione Lyker
Mer Mar 14, 2012 3:02 pm Da Lyker

» Offerta Lucca Comics 2011
Mer Gen 11, 2012 10:38 am Da Shana

» Nuove creazioni Emmegreca
Gio Ott 06, 2011 1:24 pm Da verdefogliame

» Vendo e Realizzo Armature
Sab Mag 28, 2011 3:28 pm Da Teoraps

» ISDG: Nuovo Forum OnLine!
Lun Mar 07, 2011 8:29 pm Da SignoreDellaGuerra

» Salve a tutti
Dom Mar 06, 2011 1:53 pm Da SignoreDellaGuerra

» epic armoury-faretra
Sab Mar 05, 2011 2:31 am Da Nelson Vanner

» Sessione campale 13/03/2011 - Francia!
Ven Mar 04, 2011 8:11 pm Da SignoreDellaGuerra

» Cena Imperiale il giorno 5 Marzo 2011: Potere e maestranze
Ven Mar 04, 2011 4:51 pm Da SignoreDellaGuerra

Menu del Forum
Sessioni Campali 2010/2011
1° Sessione 10 Ottobre
2° Sessione 14 Novembre
3° Sessione 5 Dicembre
4° Sessione 23 Gennaio
5° Sessione 13 Febbraio
6° Sessione 13 Marzo
7° Sessione 17 Aprile
8° Sessione 22 Maggio
9° Sessione 12 Giungo
10° Sessione 10 Luglio
24 Luglio: Festa dei Signori della Guerra per chiusura Stagione!
Affiliazioni ISDG
Armi Calimacil

Epic Armoury
Chi è online?
In totale c'è 1 utente in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 16 il Lun Mar 09, 2015 8:37 pm
Statistiche
Abbiamo 116 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Alessandro

I nostri membri hanno inviato un totale di 8144 messaggi in 482 argomenti
The Matrix

Cena Imperiale il giorno 5 Marzo 2011: Potere e maestranze

Pagina 5 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5

Andare in basso

Re: Cena Imperiale il giorno 5 Marzo 2011: Potere e maestranze

Messaggio  Raddash il Dom Feb 27, 2011 10:43 pm

è arrivato il mio bonifico, Giulio?
avatar
Raddash
Irregolare
Irregolare

Messaggi : 137
Data d'iscrizione : 27.08.10
Località : Nettuno (RM)

Percorso di Carriera
Punti Carriera:
0/6400  (0/6400)
Fazione: Germani
Rango di Comando: Effettivo

Torna in alto Andare in basso

Re: Cena Imperiale il giorno 5 Marzo 2011: Potere e maestranze

Messaggio  Shana il Dom Feb 27, 2011 11:11 pm

Gaston da Montefalco ha scritto:Perfetto....ma la lista personaggi?

Io mi offro anche come servitù....visto che comunque sarò lì da prima per preparare i locali!

Alla prima pagina c'è il ruolino Peppe =)
( e cmq tu stai con gli Italici non ci provare >_< )
avatar
Shana
Soldato
Soldato

Messaggi : 621
Data d'iscrizione : 16.04.10
Località : Roma

Percorso di Carriera
Punti Carriera:
0/6400  (0/6400)
Fazione: Anglosassoni
Rango di Comando: Effettivo

Torna in alto Andare in basso

Re: Cena Imperiale il giorno 5 Marzo 2011: Potere e maestranze

Messaggio  Raddash il Lun Feb 28, 2011 12:43 am

io cmq vorrei prenotare il gran maestro teutonico Smile grazie Smile
avatar
Raddash
Irregolare
Irregolare

Messaggi : 137
Data d'iscrizione : 27.08.10
Località : Nettuno (RM)

Percorso di Carriera
Punti Carriera:
0/6400  (0/6400)
Fazione: Germani
Rango di Comando: Effettivo

Torna in alto Andare in basso

Re: Cena Imperiale il giorno 5 Marzo 2011: Potere e maestranze

Messaggio  Gaston da Montefalco il Lun Feb 28, 2011 1:30 am

Grazie Sharon!
avatar
Gaston da Montefalco
Contadino
Contadino

Messaggi : 52
Data d'iscrizione : 17.11.10
Località : Atina (FR) Viterbo

Percorso di Carriera
Punti Carriera:
0/6400  (0/6400)
Fazione: Italici
Rango di Comando: Effettivo

Torna in alto Andare in basso

Re: Cena Imperiale il giorno 5 Marzo 2011: Potere e maestranze

Messaggio  SignoreDellaGuerra il Lun Feb 28, 2011 1:34 am

Daniele: il bonifico è arrivato e tu giocherai come Maestro Venerabile dell'Ordine Teutonico.

Per tutti gli altri, le figure mancanti saranno definite entro domani e una nuova versione del manuale del nobile sarà messa online quanto prima.

Gaston: poi ci organiziamo per andare al locale e sistemare le cose per benino Surprised

__________________________________



Alea Iacta Est


avatar
SignoreDellaGuerra
Admin
Admin

Messaggi : 1686
Data d'iscrizione : 10.01.10

Percorso di Carriera
Punti Carriera:
0/6400  (0/6400)
Fazione: Imperiale
Rango di Comando: Generale

http://isignoridellaguerra.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Cena Imperiale il giorno 5 Marzo 2011: Potere e maestranze

Messaggio  SignoreDellaGuerra il Lun Feb 28, 2011 10:37 am

ALLE DAME E LOR SIGNORI!

Tutte le figure sono state assegnate. Le trovate nel post di apertura della discussione.

Nel caso mi fossi dimenticato alcuno, fatemi sapere.

__________________________________



Alea Iacta Est


avatar
SignoreDellaGuerra
Admin
Admin

Messaggi : 1686
Data d'iscrizione : 10.01.10

Percorso di Carriera
Punti Carriera:
0/6400  (0/6400)
Fazione: Imperiale
Rango di Comando: Generale

http://isignoridellaguerra.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Cena Imperiale il giorno 5 Marzo 2011: Potere e maestranze

Messaggio  Lunargentata il Lun Feb 28, 2011 12:31 pm

Ok perfetto sono pronta a interpretare la duchessa inglese e per questa volta dovrò andare contro gli interessi dei miei italici, ma bensi difendere i valorosi combattenti inglesi!!! A Sabato!!!!

Lunargentata
Miliziano
Miliziano

Messaggi : 61
Data d'iscrizione : 11.10.10
Località : Guidonia Montecelio

Percorso di Carriera
Punti Carriera:
0/6400  (0/6400)
Fazione: Italici
Rango di Comando: Effettivo

Torna in alto Andare in basso

Re: Cena Imperiale il giorno 5 Marzo 2011: Potere e maestranze

Messaggio  orconero il Mar Mar 01, 2011 2:34 am

scusate l'ora tarda, ma un passante mi fece notare come potrebbe risultare buffo l'accostamentto del nome Novella alla mia, se pur fine, persona. Chiedo cortesemente di valiare la possibilità di conferire un tono meno femminio all'appellativo che dovrò usare nelle presentazioni. Ricordo anche che accostare la mia persona a faccende di economia e finanza è quanto meno riscioso visto i miei precedenti di mercanteggio vario e poco ortodosso. Rimango a vostra disposizione per qualunque delucidazione

orconero
Servo della Gleba
Servo della Gleba

Messaggi : 4
Data d'iscrizione : 16.11.10
Località : viterbo

Percorso di Carriera
Punti Carriera:
0/6400  (0/6400)
Fazione: Italici
Rango di Comando: Effettivo

Torna in alto Andare in basso

Re: Cena Imperiale il giorno 5 Marzo 2011: Potere e maestranze

Messaggio  Shana il Mar Mar 01, 2011 11:14 am

orconero ha scritto:scusate l'ora tarda, ma un passante mi fece notare come potrebbe risultare buffo l'accostamentto del nome Novella alla mia, se pur fine, persona. Chiedo cortesemente di valiare la possibilità di conferire un tono meno femminio all'appellativo che dovrò usare nelle presentazioni. Ricordo anche che accostare la mia persona a faccende di economia e finanza è quanto meno riscioso visto i miei precedenti di mercanteggio vario e poco ortodosso. Rimango a vostra disposizione per qualunque delucidazione

Tranquillo lo avevo già fatto notare a Giulio che modificherà quanto prima ( dovrebbe essere Pandolfo il nome che ti darà ma per sicurezza attendi che Giulio fa al correzione)

Per le finanze non c'è problema, tanto gli italici guadagnano tutto dai vigneti quindi non avremo mai problemi economici Razz
avatar
Shana
Soldato
Soldato

Messaggi : 621
Data d'iscrizione : 16.04.10
Località : Roma

Percorso di Carriera
Punti Carriera:
0/6400  (0/6400)
Fazione: Anglosassoni
Rango di Comando: Effettivo

Torna in alto Andare in basso

Re: Cena Imperiale il giorno 5 Marzo 2011: Potere e maestranze

Messaggio  SignoreDellaGuerra il Gio Mar 03, 2011 8:56 pm

IMPORTANTE!


Signori, la cena si svolgerà in un luogo MOLTO particolare!
Ieri, con l'aiuto dell'immenso Gaston, abbiamo sistemato il locale affinchè accogliesse la corte dell'Unico Impero!

Tutta la giocata si svolgerà in una "Cantina del 1200" scavata nella roccia. L'ambiente è altamente suggestivo ed evocativo, garantito!
Lì nessuno ci sentirà urlare... Twisted Evil

Avvisamo che l'ambiente è leggermente umido, quindi equipaggiatevi di conseguenza Very Happy

__________________________________



Alea Iacta Est


avatar
SignoreDellaGuerra
Admin
Admin

Messaggi : 1686
Data d'iscrizione : 10.01.10

Percorso di Carriera
Punti Carriera:
0/6400  (0/6400)
Fazione: Imperiale
Rango di Comando: Generale

http://isignoridellaguerra.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Cena Imperiale il giorno 5 Marzo 2011: Potere e maestranze

Messaggio  Hars il Ven Mar 04, 2011 12:52 am

wow, mitico SdG e mitico Gaston ù.ù

__________________________________

avatar
Hars
Soldato
Soldato

Messaggi : 539
Data d'iscrizione : 04.03.10
Località : Roma

Percorso di Carriera
Punti Carriera:
0/6400  (0/6400)
Fazione: Germani
Rango di Comando: Capitano

Torna in alto Andare in basso

Re: Cena Imperiale il giorno 5 Marzo 2011: Potere e maestranze

Messaggio  SignoreDellaGuerra il Ven Mar 04, 2011 10:22 am

CORTE IMPERIALE - 1° Parte
Ecco la prima parte della corte imperiale! Per motivi di tempo gli Italici arriveranno fra qualche ora, non disperate! Leggete, approfondite, metabolizzate e cercate di vedere cosa riesede dietro le righe.

Avvertite chi non frequenta il forum di leggere quanto scritto qui! Altrimenti il giochino NON FUNZIONA...


UNICO IMPERO


Imperatore Teodorico V ( Giulio Trimarco):
L’imperatore Teodorico V, l’ultimo dell’Unico Impero.
Non ha figli maschi….o almeno è quello che si dice ufficialmente.
Nella sua vita ha avuto molte donne e non è sempre stato un marito fedele.
Ha molte difficoltà a mantenere unito l’impero visto che nei secoli il potere dei Gran Duchi è andato aumentando.
L’unica figlia, Amalasunta, è scomparsa mentre andava in missione diplomatica dal Santo Padre. Si dice che il Gran Duca Ladislao abbia fatto in modo di farla rapire, per impedire che andasse in sposa ad Amedeo VII, figlio del Gran Duca Italico Amedeo VI: se così fosse, l’Imperatore non tollererebbe un simile comportamento da parte di un Duca e passerebbe ad un intervento diretto, chiunque sia il colpevole di tale atto.

Imperatrice Sigilda ( Claudia Ceccarelli):
Donna estremamente forte, Sigilda non solo ha ‘ignorato’ tutti i tradimenti del marito, ma è colei che lo sostiene e gli dà la forza di andare avanti. Se l’Unico Impero non si è ancora sfaldato è grazie alla tenacia di questa donna.
Si dice sia una donna di grande coraggio e che rispetta il ruolo di suo marito. Nonostante ciò le decisioni politiche del marito sono sempre accuratamente valutate. Pubblicamente interviene quando richiesto dall’Imperatore (cioè spesso).
Da quando la figlia è stata rapita è decisa a scoprire chi si celi dietro questo barbarico atto: negli ultimi tempi le notizie sembrano aver portato in un'unica direzione, il Ducato Germanico, e Sigilda vuole iniziare ad occuparsene personalmente nonostante abbia già un altro problema personale a cui dover badare.

Ministro dell'Inquisizione Pontificia, Roger de Berchvald (Carlito):
Un uomo molto diverso da qualsiasi inquisitore si sia mai visto: fisicamente robusto, di poche parole (ma sempre giuste) e devoto alla Chiesa più di altri.
Da che s’è sparso il nome di Roger de Berchvald lo si ricorda già all’interno della Chiesa al servizio diretto del Santo Padre e non si sa quando è realmente arrivato accaparrandosi la fiducia di quest’ultimo e il titolo più ambito, quello di Ministro dell’Inquisizione.
Sembra un uomo molto introverso e pacato all’apparenza ma quando svolge le sue mansioni nessuno vorrebbe ritrovarsi accusato di qualsivoglia calunnia o reato perché è risaputo che il Ministro non è affatto misericordioso e compassionevole come invece lo descrive il Papa.
Su ordine stesso del Pontefice parteciperà all’invito dell’Imperatore presso la sua corte così da risolvere i problemi che ultimamente affliggono l’Impero e ricordare il potere che la Chiesa esercita su di esso.

DUCATO ANGLOSASSONE

Gran Duchessa Philippa di Hainault ( Emanuela Bello):
Moglie del Gran Duca Edoardo III, si dice essere una donna molto legata ai precetti cattolici. Sempre presente a tutte le uscite pubbliche del Gran Duca, si mormora che sia molto fedele al proprio marito e che non perda occasione di aiutarlo e spronarlo a prevalere su ogni problema e difficoltà che il Ducato incontra.
Recentemente la fazione Anglosassone ha partecipato alle ricerche della figlia dell’Imperatore Teodorico e pare che la stessa Philippa si sia interessata degli sviluppi. Si vocifera che la Duchessa non abbia grande stima della moglie del Duca Italico, Bona di Borbone, a causa del suo carattere troppo invadente nelle faccende politiche e che non sia incline ad accettare il matrimonio tra Amedeo VII ed Amalasunta.
Per lei è la prima volta nella corte imperiale senza il proprio Gran Duca e molti si chiedono se vedranno una Philippa diversa dalla solita donna di chiesa, magari più agguerrita e testarda ad imporre al posto del marito il nome del Ducato Anglosassone.

Ambasciatore Anglosassone presso Corte Imperiale, Casymir Douglas ( Sergio Rosa):
Casymir è da sempre stato un ragazzo diligente e ligio al dovere, i suoi genitori sono sempre stati orgogliosi di lui e l’hanno spronato ad essere meno ingenuo ed approfittare sempre delle occasioni.
Fu proprio quando il ragazzo venne scelto dal Plantageneto come Amabasciatore Anglosassone che i due lo spinsero ad accettare e farsi onore in quella massa di nobili bigotti.
Douglas non era molto convinto, non amava stare tra la gente ed era sempre stato taciturno e un po’ introverso ma doveva ammettere che il ruolo che gli era stato assegnato lo riempiva d’orgoglio e gioia.
Ha un certo timore del Gran Duca dati i suoi modi schietti e bruschi mentre riesce a conversare con più tranquillità con la Duchessa Philippa e il Gran Priore Osórez che hanno modi di fare pacati e gentili nei suoi confronti, capendo la difficoltà del ragazzo ad esprimersi in mezzo a quella folla di gente ambiziosa e senza scrupoli.
Data l’assenza obbligata del Gran Duca, Casymir è stato inviato per adempiere il suo ruolo presso la corte imperiale nonostante avrebbe preferito evitare: se la corte anglosassone gli era ancora un poco ostile, non immagina come poteva essere quella imperiale…
Come gli altri ambasciatori si trova in una difficile situazione. Deve mediare fra gli interessi dell'Impero e quelli del Gran Ducato.
Propendere troppo da una delle due parti potrebbe compromettere la sua delicata posizione.

Lord Cancelliere, Simon di Montfort (Simone Lepri):
Simon ricalca lo stereotipo di un Lord: un uomo tranquillo e diplomatico che ama la lettura e la compagnia ma sempre molto devoto alla Chiesa. Colui che porta la saggezza nel Ducato.
Da quando la Camera dei Lord ha preso potere sotto il regno del Plantageneto, Simon è stato eletto Lord Cancelliere perché ritenuto meritevole di questo titolo: certamente era un’aspirazione che Simon aveva ma per vergogna e pudore teneva celata in se stesso.
La lettura ha dato modo al Lord di apprezzare anche la scrittura, una capacità che lo aiuta tuttora a svolgere le sue mansioni da Cancelliere e che ritiene tanto importante quanto il saper parlare ed esprimersi con altre persone. Proprio per questo Simon e il Gran Duca si sono trovati in disaccordo più volte dato che uno predilige la parola e l’altro la spada per risolvere ogni problema.
Data la situazione che ultimamente grava sull’Impero, ha deciso di seguire la Gran Duchessa Philippa ben sapendo che dovrà ricordare ai presenti la forza e l’infinita cultura del Ducato Anglosassone in assenza del proprio Duca.
Il Lord Cancelliere, sebbene non abbia alcun “portafogli” ha l'onere di dover firmare tutte le decisioni prese dai vari ministri e dignitari.
Senza la sua firma le decisioni prese non diventano legge.


Sostituta Governatore di Banca, Maria de' Bardi (Francesca Ruggeri):
Maria dè Bardi è sempre stata molto diligente nelle sue mansioni e sempre rispettosa verso il proprio Governatore ma è risaputo che è di gran lunga più intelligente e brava rispetto a quest’ultimo, di conseguenza la carica assegnatagli non le rende giustizia.
Non è una donna rancorosa e non ha mai dato peso se le venisse riconosciuto o meno qualcosa, per lei l’importante è sempre stato svolgere al meglio il proprio ruolo ed è quello che ha sempre fatto.
E’ sempre stata affascinata dalla vita di corte, pensando a quali alte cariche si aggiravano per essa e di quali grandi argomenti trattassero. Non avendo una posizione rilevante e utile presso le corti non vi ha mai partecipato, fino ad ora.
L’occasione è arrivata con l’assenza a una convocazione di Teodorico V da parte del proprio Gran Duca Edoardo III: il Governatore, non potendo presenziare in quanto obbligato a restare fianco al Plantageneto per le missioni belliche imminenti, ha mandato Maria al suo posto.
Di certo la donna non si farà sfuggire l’occasione per godersi appieno questa esperienza.
La sua origine Italica la pone in una situazione difficile. Del resto molti dei grossi che il Gran Duca spende nelle sue infinite lotte provengono dalla famiglia de' Bardi.
Senza una firma di Maria de' Bardi dalle casse Ducali non uscirà un grosso...


Lord Guardiano, Sir Johan Pronan (Daniele Samele):
Il mare è la sua casa e le flotte la sua famiglia.
Non è mai stata una vita felice quella di Johan Pronan, almeno fin quando non venne preso per lavorare al porto di Hastings, uno dei cinque più importanti delle terre d’Inghilterra.
Da lì il ragazzo si fece uomo e il suo nome non era più legato ad un viso infante e maleducato ma ad un fiero uomo di mare che si distingueva per la strenua difesa del proprio Ducato.
Tanta fu la nomea sparsa per gli altri porti, che Pronan venne eletto dal Gran Duca Edoardo III Lord Guardiano, responsabile dei cinque porti e dei mandati di cattura per i criminali nonché responsabile per la riscossione delle tasse in quanto teneva sotto controllo che nessuno provasse a fuggire via mare per evitare il pagamento.
Non ha mai partecipato ad inviti di corte, ma il Plantageneto ha richiesto la sua presenza per assicurarsi che non vi siano problemi di alcun tipo data la sua assenza.
Sir Johan Pornan è l'unico in grado di mobilitare truppe Anglosassoni da e per l'Inghilterra.
Senza una sua firma e la sua approvazione le navi restano alla secca.

Maresciallo di Guerra John of Gaunt (Davide De Sanctis):
Il Duca Edoardo e il Maresciallo Gaunt sono da sempre molto amici. Lo stesso Maresciallo cerca di supportare nel migliore dei modi il Duca in tutte le sue decisioni: le sue mire espansionistiche sono più che lungimiranti e più volte Gaunt ha sostenuto che i Plantageneti dovrebbero sedere sul trono dell'Imperatore.
E’ una persona molto sospettosa di tutti coloro che si avvicinano al Duca, e vigila sempre su ciò che potrebbe accadere al suo protetto. Non si fida delle persone che frequentano la corte imperiale, ancor più dello stesso Imperatore e Amedeo VI che più volte hanno contrastato le parole del suo Gran Duca .
All’invito dell’Imperatore, lo stesso Edoardo ha chiesto a Gaunt di non mancare in quanto sua moglie Philippa non poteva restare senza la dovuta protezione e perché era richiesta la presenza dello stesso Maresciallo per decidere i provvedimenti conseguenti alle accuse mosse dalla Chiesa nei suoi confronti.
Molti alla corte Imperiale sono convinti che John of Gaunt saprebbe dire il numero esatto al singolo uomo delle truppe disponibili al Gran Ducato Anglosassone, siano arcieri, cavalieri o marinai.
Senza la sua approvazione, e firma, nessun uomo d'arme, berroviere o esploratore muove un passo.

Gran Priore dell'Ordine di Santiago, Fernando Osórez (Amir Zabarah):
Uomo di valori e rispettoso verso il Ducato di cui fa parte, il Gran Priore Osòrez ha da sempre la stima del Duca Edoardo III. Da che ha ricevuto la nomina di Gran Priore ha sempre dimostrato di saper gestire l’Ordine di Santiago nel modo migliore.
E’ solito muoversi accompagnato da altri priori ed ha un grande rispetto per la Duchessa Philippa di cui ammira i principi religiosi a cui essa è legata.
Negli ultimi tempi gli ordini ecclesiastici sono stati più volte accusati di non adempiere i propri ruoli da parte della Chiesa e sembra che non sia stato detto ancora tutto: Osòrez ha ritenuto opportuno partecipare all’invito a corte per poter parlare direttamente con il Ministro dell’Inquisizione per risolvere il problema.
Ha dato la sua parola di ritrovare Amalasunta con l'invio di dieci Cavalieri dignitari. Ma strane voci sono giunte all'orecchio del Priore.
Inoltre Osores ha girusdizione sulle truppe di Santiago, cavalieri altamente motivati, addestrati e potenzialmente determinanti in una battaglia...

DUCATO GERMANICO

Gran Duchessa Germanica, Elisabetta di Nuremberg ( Giulia Samele ):
Più giovane del marito Ladislao di parecchio, Elisabetta è una donna pratica ma raffinata. Silenziosa ( in apparenza), è disinteressata alle “imprese militari” del marito che, spesso e volentieri, la lascia sola interi mesi per condurre qualche campagna militare di poco o nessun valore strategico.
Ovviamente, una donna raffinata come Elisabetta, non ama la solitudine e questo non è un mistero né per la corte germanica, nè per quelle degli altri Ducati.
In quanto moglie del Gran Duca germanico è a conoscenza di molte se non tutte le informazioni più segrete che i nemici vorrebbero scoprire e per questo è stata più volte presa di mira per sapere se la figlia dell’Imperatore, Amalasunta, sia davvero nelle mani di Ladislao.
Elisabetta, è risaputo, che non disdegna mai il buon vino e la buona compagnia...
Essendo Ladislao impegnato nella campagna di Graz, per respingere gli Ungheresi intenti in saccheggi e razzie, non ha potuto fermare la Gran Duchessa dall'accettare l'invito dell'Imperatrice Sigilda al nuovo concilio imperiale.

Ambasciatore Germanico presso Corte Imperiale, Kalman Piastyz (Cristiano Marchioni):
Al nome Kalman Piastyz viene in mente spesso, a tutti frequentatori della corte imperiale, un ragazzo dai modi pacati, silenzioso e, con le donne, particolarmente attivo.
Da giovane era solito frequentare la corte tedesca come le case chiuse. Ciò nonostante il suo carattere molto spesso impulsivo ma sempre orgoglioso e astuto nel preoccuparsi di se stesso, ha catturato l’attenzione di Ladislao che l’ha scelto come Ambasciatore Germanico ritenendolo il più idoneo per rappresentare e parlare in nome della sua terra.
Il giovane Kalman ha sempre temuto di non essere all'altezza del compito ma, con gli anni, ha acquisito quella mentalità dinamica e “diplomatica” necessaria ad un ambiente così complesso.
Il fatto che, comunque, la corte imperiale sia così piena di “comodità” mette Kalman Piastyz in una situazione complicata: una mossa falsa con l'Imperatore o l'Imperatrice e la sua vita “spensierata” và a farsi benedire...

Savio del Consiglio, Guiscardo Von Driech (Matteo Gussoni):
Guiscardo è un uomo simpatico, di battuta facile e sempre pronto allo scherzo.
E' l'unico che è riuscito a far sorridere il Gran Duca e si sospetta che Von Driech ricopra la carica di Savio più per le sue arti “comiche” che per le sue capacità diplomatiche.
Non si sa bene quanto il Gran Duca dia ascolto alle parole di Guiscardo ma è certo che non ha ancora trovato un buon motivo per toglierli la carica.
Nonostante l’indole ironica riesce sempre a svolgere i propri compiti senza rischiare le ire di Ladislao e sa ben guardare le proprie tasche per evitare qualsivoglia problema.
Il Gran Duca ha deciso ( o forse s’è trovato costretto) a mandarlo insieme alla corte tedesca presso la dimore dell’Imperatore Teodorico V per aiutare il Maresciallo Venceslao a controllare la Duchessa Elisabetta…o forse a bere in sua compagnia.
Senza una firma del Savio nel Gran Ducato Germanico nessuna decisione può diventare esecutiva.
Allo stesso tempo il Savio deve avvalersi degli altri ministri e responsabili per prendere qualsivoglia decisione.

Maresciallo Rodolfo Venceslao (Federico Migliore):
Il Gran Ducato di Germania dovrebbe essere a capo dell’Unico Impero e il Gran Duca Ladislao è uno dei migliori combattenti di tutta l’Europa. Questo è da sempre il pensiero del Maresciallo Venceslao.
E’ un forte sostenitore dei metodi militareschi del Gran Duca e non ha mai alcuna esitazione a difendere le parole di Ladislao D’Amburgo. Ha un debole per il lusso e ancor più per le donne, debolezze che cerca di nascondere agli occhi del Gran Duca ben sapendo che non approverebbe la sua indole viziata che porterebbe solo guai al Ducato.
Il Gran Duca Ladislao ha chiesto a Venceslao di andare assieme a sua moglie presso la corte imperiale per controllarla e assicurarsi che nessuno intacchi ancora il nome del Ducato Tedesco e, di certo, il Maresciallo è la persona più adatta per questo compito.
Il Maresciallo Rodolfo ha fatto delle attente stime di uomini e mezzi per l'imminente campagna di Francia.
Ovviamente non cederà un uomo di più all'Unico Impero se non vi saranno uomini sufficenti per difendere il Gran Ducato da attacchi esterni.
Senza la sua firma nessuna impresa militare può aver luogo.

Gran Mercante dell'Hansa, Ronald Guternbach (Alessandro Meloni):
Colui che del commercio è gran esperto e riesce a trattare anche con genti al di fuori dell’Unico Impero. Ronald è sempre stato un uomo scaltro e calcolatore che non lascia mai nulla al caso ed è capace di vendere tutto e tutti al prezzo più salato e comprare spendendo davvero poco.
Ladislao ha sempre ammirato Guternbach per le sue doti e non vi sono stati mai problemi tra i due, tant’è, che proprio grazie a quest’uomo le terre tedesche godono di ottimi scambi commerciali e quindi guadagni costanti.
Ha da sempre una forte rivalità e un odio verso il Responsabile del Commercio Europeo Graham in quanto più volte quest’ultimo mette i bastoni tra le ruote a Ronald decidendo per lui come vanno fatti e se vanno fatti alcuni scambi commerciali. Purtroppo il Gran Duca li ha sempre tenuti ben divisi senza far capitare occasioni inutili per lasciarli discutere e tra i due non si sono mai appianate le divergenze.
Mandato da Ladislao presso la corte imperiale e, saputo della presenza di Graham, ha accettato con gran gioia l’ordine impartitogli così da far capire chi dei due è il più astuto e valido commerciante.
Ronald, inoltre, ha in mano quasi tutta la flotta del Gran Ducato Germanico e, senza il suo assenzo, nessun nave salpa o attracca ai porti Germanici.
Senza la sua firma è impossibile accordare qualsiasi commercio fluviale o marittimo, senza parlare di trasferimenti militari su nave.


Responsabile Commercio Europeo, Johan Graham (Fabrizio Pedata):
Johan non è mai stata una persona molto attiva: sembra un uomo pacato e tranquillo ma in realtà è un gran fannullone e preferirebbe far svolgere le proprie mansioni ad altri e prendersi solo i meriti alla fine.
Da quando ha avuto la nomina di Responsabile del Commercio Europeo, Graham ha avuto una vita molto agiata e facile ed è sempre riuscito a scampare da possibili accuse sotto gli occhi del Gran Duca Ladislao. Il suo unico grande problema risponde al nome di Ronald Guternbach, il Gran Mercante dell’Hansa che, per sua sfortuna, ha una posizione di rilievo a tal punto che non può cacciarlo ne fare altro a meno che non sia lo stesso Ronald ad immischiarsi in grossi guai.
Costretto da Ladislao ad andare all’invito di Teodorico V per ascoltare quello che ha da dire al Ducato Tedesco, Johan parteciperà suo malgrado cerchi di godersi il banchetto servito dall’Imperatore e mettere in cattiva luce Guternbach.
Nonostante ciò è deciso a far notare la sua presenza!
Ha avuto mandaato, per la nuova campagna di Francia, a doversi preoccupare del vettovagliamento delle truppe dell'Unico Impero... e necessiterà di molti Grossi per provvedere ai fabbisogni di migliaia di uomini.
Dovrà “estorcerli” a tutti i Gran Ducati, compreso Ronald Guternbach, Gran Mercante dell'Hansa.


Maestro Venerabile dell'Ordine Teutonico Hornst von Kniprode (Daniele Di Meo):
Maestro Venerabile, Hornst Von Kniprode è il vice del Grande Maestro Teutonico e, come da lui stesso detto, la parola “Venerabile” gli è quanto mai appropriata.
Un uomo riflessivo e pacato ma che sa essere determinato all’occorrenza, come nelle situazioni di contrasto con Ladislao: Hornst è un uomo che non alza mai la voce ed è forte sostenitore della pace mentre il Gran Duca un uomo duro che predilige le vie pratiche della guerra a quelle diplomatiche.
Non v’è mai stata volta che i due si siano trovati d’accordo, tant’è che il Maresciallo Venceslao non sopporta la presenza di Von Kniprode nella corte germanica quale fedele sostenitore di Ladislao.
Nonostante la situazione di disagio tra i due, Hornst pensa sempre e solo al bene del Ducato Germanico ritenendolo il più nobile e meritevole di comandare sull’Impero e, anche in questa occasione, ripeterà il suo pensiero senza alcuna vergogna o timore.
Hornst è stato richiamato alla corte per alcune “faccende” riguardo Amalasunta. Inoltre è stato incaricato, dal Gran Maestro, di intercedere per lui riguardo l'eventuale coinvolgimento di truppe Teutoniche nella imminente campagna di Francia.


DUCATO ITALICO

Gran Duchessa Italica, Bona di Borbone (Sharon Verga): Testarda, spigliata e diretta, ama la vita politica più di quanto la ami il marito, Amedeo VI. Preferisce stare in mezzo a consiglieri e generali che annoiarsi con stupidi discorsi da cortigiane e nobili fatue.
Fiera del proprio figlio, Amedeo VII, nonostante tutti ne parlino male per i comportamenti poco decorosi, Bona non ha tollerato il rapimento di Amalasunta che l’avrebbe portata ancor più vicina all’Imperatore e soprattutto all’Imperatrice Sigilda di cui ammira molto il forte e deciso carattere.
E' risaputo che non sopporta Philippa, moglie di Edoardo III, ritenendola troppo debole e introversa per il ruolo che ricopre: l’invito di Teodorico V, ove non vi saranno ne il Duca Amedeo VI ne il duca Edoardo III, sarà un’occasione per le due di confrontarsi direttamente.
E’ decisa a far assumere un ruolo predominante agli Italici nella imminente campagna di Francia. Sicuramente non farà dormire sugli allori, in assenza di Amedeo VI, i dingitari della corte Italica...

Ambasciatore Italico presso Corte Imperiale, Rodolfo Tarsia (Fabio Benvenuti): Se c’è una persona alla corte italica che non è mai stata ben vista, è proprio Rodolfo Tarsia.
E’ indubbiamente un uomo intelligente e capace, ma è troppo legato alle sue patrie terre per ottenere la totale fiducia della corte Imperiale..
Ha ricevuto il titolo di Ambasciatore Italico per le pressioni che suo padre, un nobile di corte, ha fatto su Amedeo VI, convincendolo a prenderlo come portavoce delle italiche terre.
Dice d’essere uomo di fede ma pochi lo hanno visto in Chiesa, dice rispettare e rimanere fedele ad Amedeo VI ma non adempie sempre le proprie mansioni come ambasciatore e diplomatico.
Non è convinto che gli Italici debbano intervenire pesantemente nel futuro conflitto Imperiale-Francese e questo, probabilmente, lo porterà a scontrarsi con la politica “interventista” della Gran Duchessa.
E’ proprio per l’operato di quest’uomo che, forse, le truppe Italiche non verranno impiegate a breve...

Consigliere di Stato, Gervaso Sampetri (Stefano Rizzuti): Uomo taciturno, pacato, Gervaso Sampetri è spesso il braccio dietro la mente di Amedeo VI.
Instancabile ed incrollabile, Gervaso porta a termine tutti i compiti assegnatigli.
Ha un fortissimo senso dello stato e di appartenenza al Gran Ducato, per questo difficilmente andrà contro le decisioni del Duca.
Ha un profondo rispetto per la moglie di Amedeo VI, Bona di Borbone, mentre per suo figlio, Amedeo VII... si sà che non ha il massimo della considerazione.
Molto amico del Ministro della Guerra Bernabò Visconti ha sempre avuto fiducia nelle competenze di quest’ultimo consigliandolo quando ne ha avuto bisogno.
Data l’assenza del proprio Gran Duca per altre emergenze, ha deciso di seguire la Duchessa per aiutarla ad affrontare gli altri Ducati nel caso vi fosse bisogno.
Senza la sua firma, nessuno dei documenti approvati dagli altri dignitari ha valenza. Di contro, non ha un potere diretto per decidere sulle competenze di altri.
Di base è convinto che gli Italici debbano prendere parte al conflitto con la Francia, per guadagnare nuove province per il Gran Duca, la Duchessa e le Italiche genti.

Segretario delle Finanze, Pandolfo Malatesta (Simone Lucchesi): Nel Ducato si è sempre creduto che Pandolfo sia un uomo avaro e taccagno, molto attento alle finanze delle terre italiche e che mai lo distoglierebbe qualcosa…la realtà, è che Pandolfo è l’esatto opposto!
E’ molto spendaccione e ama vivere nel lusso, è sempre voluto stare presso la corte italica per accaparrarsi la fiducia dei Gran Duchi e poter pensare ai propri affari. Nonostante questo conosce le buone maniere e l’educazione e non è mai stato un problema per Amedeo VI averlo presso la proria corte.E’ risaputo che la Duchessa Italica abbia affiancato al Segretario Pandolfo il dignitario Cosimo Florini, uomo molto vicino alla Chiesa, e fino ad ora non vi sono mai stato grandi problemi finanziari presso il Ducato Italico.
La stessa Bona di Borbone ha preteso che Pandolfo la seguisse alla corte imperiale per avere anche un parere finanziario nel caso ne avesse bisogno…ma forse, è solo un pretesto per tenerlo sotto controllo piuttosto che lasciarlo nelle proprie terre a combinare chissà quali guai.
Pandolfo, volente o nolente, ha in mano la maggior parte delle finanze Italiche. Senza la sua approvazione, e firma, sarà difficile che le casse Italiche possano finanziare una qualsivoglia spedizione...e questo non è nelle priorità di Pandolfo.


Ambasciatore presso la Santa Madre Chiesa, Cosimo Florini (Daniele Verrocchia): E’ una delle figure che più è vicino alla voce del Pontefice ed è sempre stato fedele alla religione.
Cosimo non ama la ‘bella vita’ come molti nobili, preferisce una vita modesta e semplice e rispetta ogni decisione dei Gran Duchi che lo hanno scelto come tramite diretto con il Papato: la sua fede e diligenza lo hanno sempre distinto dalla massa e per questo ha la fiducia di tutta la corte.
Solitamente Amedeo VI non ha bisogno di tramiti per conferire con il Pontefice, ma quando si trova lontano e non può muoversi, manda Cosimo a Roma al suo posto per portare un suo messaggio per voce o per lettera a seconda dell’importanza della comunicazione.
Data l’assenza di Amedeo alla corte imperiale, il Gran Duca ha chiesto a Cosimo di seguire sua moglie in quanto ha saputo della presenza del Ministro dell’Inquisizione e, per non correre rischi, ha pensato bene di mandare qualcuno che sia ‘di casa’ per parlarci se mai ve ne fosse bisogno.
Inoltre saranno presenti rappresentati di vari ordini cavallereschi, come Teutonici, Santiago e Templari. Alcune indiscrezioni, inoltre, fanno pensare ad eventuali “complicazioni” che Cosimo farà in modo da sfruttare a vantaggio degli Italici e della Gran Duchessa.
Non di rado Cosimo si fà "portavoce" del Santo Padre che, fino ad ora, non ha mai avuto nulla a che ridire di questa condotta.


Ministro della Guerra, Bernabò Visconti (Giuseppe dell’ Ascenza): Uomo d'arme, prima che Ministro, Bernabò Visconti ha nostalgia delle interminabili notti su campo, l'odore del metallo, delle corazze e il peso di una buon arma nella mano.
Proprio le sue capacità militari hanno fatto sì che fosse appuntato Ministro della Guerra, dietro suggerimento del Consigliere di Stato.
La sua esperienza ha fatto in modo che sappia distinguere quando è il momento di agire e quando quello di aspettare e lo rende uno degli uomini più fidati di Amedeo VI.
Proprio a tal motivo ha seguito l’ordine del Gran Duca di presenziare all’invito di corte per rispondere ad ogni domanda dell’Imperatore in merito alle ultime battaglie che hanno afflitto l’Impero e allontanare qualsiasi calunnia gli altri Ministri di Guerra dei Ducati possano avanzare contro le italiche genti.
E’ sia ansioso che preoccupato per l’imminente campagna di Francia. E’ convinto che in questo momento di debolezza dell’Unico Impero non sia saggio intraprendere una guerra con un regno che può annoverare fra le sua forze la “migliore cavalleria del mondo”.
Bernabò sa perfettamente che le truppe francesi hanno la nomea di essere ben addestrate, equipaggiate, disciplinate e, dopo gli avvenimenti di Vannes, altamente motivate.
In ogni caso, qualsiasi decisione militare, senza la firma del Ministro della Guerra Bernabò Visconti, è illegale e non fattibile.


Grande Maestro dell'Ordine Templare, Bernadette de Beaujeu (Daniela Paladini): Si sa che una donna a cui viene dato potere non è mai ben vista ed questa la situazione di Bernadette da quando è stata nominata Grande Maestro dell’Ordine Templare.
E’ una donna che non si lascia mai per vinta, sempre fedele ai suoi valori e con un rispetto cieco nei confronti del Ducato Italico.
Ha sempre avuto il benestare della Duchessa Italica e per questo si sparse la voce che la nomina di Grande Maestro fosse arrivata su richiesta di Bona.La stessa Duchessa ha sempre smentito ogni voce ribadendo l’enorme valore della donna sia come capo dei Templari, sia come cavaliere sul campo di battaglia.
Saputa la presenza del Ministro dell’Inquisizione, Bernadette ha accettato di buon grado l’invito dell’Imperatore così da poter discutere con lui di affari che riguardano l’Ordine Templare.
Alcune indiscrezioni dicono che potrebbe portare nuove informazioni su Amalasunta e, forse, anche cattive nuove per alcuni membri della corte imperiale.
Infine, come se ciò non fosse sufficente, Berndardette ha la potestà sui famosi cavalieri Templari. Se questo ordinie cavalleresco prenderà o meno parte alla campagna di francia dipenderà da lei.


Ultima modifica di SignoreDellaGuerra il Ven Mar 04, 2011 4:00 pm, modificato 1 volta

__________________________________



Alea Iacta Est


avatar
SignoreDellaGuerra
Admin
Admin

Messaggi : 1686
Data d'iscrizione : 10.01.10

Percorso di Carriera
Punti Carriera:
0/6400  (0/6400)
Fazione: Imperiale
Rango di Comando: Generale

http://isignoridellaguerra.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Cena Imperiale il giorno 5 Marzo 2011: Potere e maestranze

Messaggio  SignoreDellaGuerra il Ven Mar 04, 2011 3:03 pm

Per la cena del 5 Marzo tutte le figure in gioco sono state dettagliate!


__________________________________



Alea Iacta Est


avatar
SignoreDellaGuerra
Admin
Admin

Messaggi : 1686
Data d'iscrizione : 10.01.10

Percorso di Carriera
Punti Carriera:
0/6400  (0/6400)
Fazione: Imperiale
Rango di Comando: Generale

http://isignoridellaguerra.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Cena Imperiale il giorno 5 Marzo 2011: Potere e maestranze

Messaggio  Harry Cartwright il Ven Mar 04, 2011 4:13 pm

per la parte privata? quando ce la manderai, Giù??
avatar
Harry Cartwright
Servo della Gleba
Servo della Gleba

Messaggi : 18
Data d'iscrizione : 10.09.10
Località : Roma

Percorso di Carriera
Punti Carriera:
0/6400  (0/6400)
Fazione: Anglosassoni
Rango di Comando: Effettivo

http://mezzanotte00.wordpress.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Cena Imperiale il giorno 5 Marzo 2011: Potere e maestranze

Messaggio  SignoreDellaGuerra il Ven Mar 04, 2011 4:51 pm

Vista la giocata "alla luce del sole" già pregna di eventi, decisioni e discussioni, non vorrei mettere troppa carne al fuoco aggiungendo la parte "nascosta".

Evetualmente alcuni di voi riceveranno informazioni aggiuntive sabato stesso, su dei fogli.

__________________________________



Alea Iacta Est


avatar
SignoreDellaGuerra
Admin
Admin

Messaggi : 1686
Data d'iscrizione : 10.01.10

Percorso di Carriera
Punti Carriera:
0/6400  (0/6400)
Fazione: Imperiale
Rango di Comando: Generale

http://isignoridellaguerra.com

Torna in alto Andare in basso

Re: Cena Imperiale il giorno 5 Marzo 2011: Potere e maestranze

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 5 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum